Viale Doria


Action: Ristrutturazione interna
Location: Viale Doria, Milano, Italia
Surface: 195 mq
Head Designer: Alessia Garibaldi, Giorgio Piliego
  • Viale Doria


    Action: Ristrutturazione interna
    Location: Viale Doria, Milano, Italia
    Surface: 195 mq
    Head Designer: Alessia Garibaldi, Giorgio Piliego

    In un elegante palazzo milanese in stile liberty, un appartamento di 195 mq posto al piano nobile, si dischiude ad una nuova vita contemporanea: guarda al passato con piglio attento e in continuità con la natura dell’edificio che lo accoglie.

    Gli interni si articolavano secondo la classica disposizione dell’avvicendamento di stanze lungo il corridoio; da una parte i salotti affaccianti sul fronte principale e dall’altra le camere prospettanti il cortile interno, insieme ai servizi dalla planimetria stretta e lunga e, la cucina.

    L’intervento ha visto una ridistribuzione dello spazio secondo estetiche e necessità attuali: l’ampia zona giorno è realizzata dalla fusione di tre stanze in origine divise. Dall’ingresso si accede allo studio attraverso un arco ribassato ovale, mutuato da stilemi di gusto liberty e attraverso il quale si apre lo sguardo nella sala. Gli spazi riservati ai bagni si sono ampliati in forma quadrangolare, in uno si accede direttamente dalla camera e anche l’ambiente cucina è stato totalmente modificato.

    Il progetto ha preservato e valorizzato le finiture originali, il parquet a Chevron e le marmette decorate in cemento, i soffitti con cornici in stucco, gli infissi esterni e interni, come le porte in legno e vetro satinato, i caloriferi originali mantenuti e migliorati con speciali vernici. Ai materiali d’origine si sommano la resina e la pietra lavica dipinta a mano di Caltagirone per i bagni. Lo spirito della casa è tracciato dall’uso del colore che riecheggia la genia liberty del palazzo: guizzi d’oro e velature a soffitto verde acqua, azzurro chiaro, rosa antico che nel corridoio e nella cucina si attualizzano in resina e nuance accennate e che si ispirano alla tradizione minimalista delle opere di Ettore Spalletti. L’arredo è scelto tra pezzi di modernariato degli anni ’40 e ’50 con incursioni nel design contemporaneo e, complementi prodotti su disegno definiti da linee spezzate e asimmetriche. Il calibro delle luci, il loro riflettersi su specchi e superfici donano un tono scenografico ad una autentica pièce teatrale privata e domestica.

    Responsive Menu Image Responsive Menu Clicked Image

    This website uses third party cookies to keep track of some user activity for statistical purposes. If you want to learn more or opt out of all or some of these cookies read information.  By clicking on "Accept" you consent to the use of cookies. Website made by Intraweb Milano .

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi